Adista "Insicurezza" di Marina Boscaino

Adista Insicurezza di Marina Boscaino

«Domenica e lunedì si vota nelle scuole pubbliche. Guardatevi intorno, guardate i soffitti, i bagni, le porte l’intonaco. Guardate dove noi tutto il giorno viviamo e cerchiamo nei nostri limiti umani di costruire, formare e conservare una memoria. Guardate dove lavoriamo, in che condizioni e pensate che i vostri figli passano più tempo della loro vita dentro quelle aule che in casa vostra. E pensate che lì si forma un cittadino, la sua libertà e la sua vita. Poi votate…». Mentre scrivo – è sabato prima delle elezioni – non so ancora quale sarà l’esito elettorale. Ma mi piace consegnare comunque a voi che leggete queste parole. Le ha scritte Claudia Pepe, insegnante, uno dei fortunati incontri che ho fatto su Facebook. Quando ci siamo “incrociate” non virtualmente – eravamo a Vicenza, la sua città, durante un incontro sulla scuola statale, in dicembre – ci siamo subito riconosciute. Perché il volto che trovavo nella foto del “profilo” mi è rimasto impresso: da lei, dalle sue dita sulla tastiera, ogni sera (da quando abbiamo stretto “amicizia”) arrivano commenti brevi e intelligenti, caustici e illuminanti, laconici e spiritosi, su quanto è accaduto durante la giornata; o, ancora, notazioni sui programmi serali in Tv (tutti rigorosamente “politici”, guardando i quali entrambe la sera usiamo farci salire il tasso di bile o la propensione alla depressione o la vena ironica, dipende dalla giornata). Commenti di tanti, attenti come noi a ciò che accade. Poi Claudia dà la buonanotte a tutti: un rituale ormai abituale, che molti suoi “amici” virtuali non mancano di accogliere con affetto. Sì, affetto. Perché la rete ci ha consentito di conoscerci, di apprezzarci, di sceglierci a distanza. Di creare una comunità di docenti convinti che il proprio mandato non debba e non possa esaurirsi nel tutt’altro che semplice lavoro in aula. E non c’è bisogno di troppo tempo per individuare sintonie, comunanze, analoghe visioni e finalità. L’appello di Claudia, come me ha colpito molti altri. È la concretizzazione di quella circolarità che deve essere la scuola statale, di quell’eterno ritorno che dall’edificio scolastico si allarga all’intera società civile. E viceversa. Il dentro e il fuori: loro, studenti e cittadini; noi, docenti e cittadini; loro, genitori e cittadini. Non si può ignorare la cura dello spazio in cui questa circolarità piena di intenzionalità intrinseche – cultura, cittadinanza, emancipazione, relazione, dimensione identitaria, crescita – trova il proprio luogo di elezione. Il ministro Profumo tra le sue prime dichiarazioni ebbe a dire dell’edilizia scolastica «questa è la mia priorità», dimenticandola nel corso dei 15 mesi successivi, dedicati a portare a compimento i tagli di Gelmini-Tremonti, ad un inutile concorso, alla demagogia 2.0 e a tentare di far passare con un colpo di mano un dpr sulla valutazione letteralmente irricevibile. Grazie Claudia, per averci ricordato, con parole semplici e concrete e con il pensiero articolato e complesso che contengono, che la sicurezza, il decoro, la dignità e, perché no, la gradevolezza delle condizioni di apprendimento e di lavoro vengono prima di ogni cosa. E che, se il 65% delle scuole continua a non essere a norma, la preoccupazione per questa vergogna nazionale deve ricadere su ciascuno di noi. Chi ha promesso soluzioni per l’ennesima volta deve sapere che la distrazione non sarà più tollerata.

Rispondi in questo thread

Questo sito utilizza cookies e altre tecnologie di tracciamento per distinguere tra personal computer, impostazioni e scopi analitici/statistici personalizzati, customizzazione dei contenuti e ad serving. Il sito potrebbe contenere cookies di terze parti. Se vuoi continuare a navigare sul sito, le impostazioni attuali saranno mantenute, ma puoi cambiarle in ogni momento. Per maggiori informazioni: Privacy e polizia dei Cookie