Breve spiegazione di un lavoro fatto anni fa in scienze: capire la struttura di un databese

ho ritrovato su docenti.org la breve spiegazione di un lavoro fatto molti anni fa in scienze e che voglio riproporre, visto che sto lavorando sugli animali in una terza primaria. Ma è un lavoro replicabile in altre situazioni e la sua preparazione implica un bel lavoro di logica, per questo lo suggerisco a chi fosse interessato.

Capire la struttura di un database

Si crea un archivio cartaceo con schede perforate. Si stabilisce la convenzione: foro aperto significa "no", chiuso "sì". Si prepara la scheda guida sulla quale tutti i fori sono chiusi e si scrive un attributo in corrispondenza di ogni foro. Per una classificazione di animali, ad esempio, mammiferi, ovipari, carnivori, erbivori ecc.

Prepariamo le schede dell'archivio, una per ogni animale. Applichiamo la classificazione giusta, scegliendo di lasciare i fori chiusi o aperti. Dopo aver preparato molte schede e averle sistemate in un contenitore, alla fine effettuiamo la ricerca: se vogliamo scoprire quali tra gli animali inseriti nell'archivio sono "mammiferi e carnivori", infiliamo nella scheda guida due bacchette in corrispondenza dei due fori relativi agli attributi richiesti. Naturalmente useremo tante bacchette quanti saranno gli attributi da ricercare. Ci accorgeremo che verranno fuori solo le schede che corrispondono agli attributi ricercati e che, avendo il foro chiuso, corrispondono a "sì". Da qui, per similitudine, sarà semplice far capire nozioni più astratte come quelle di "file", "record", "campo", "filtro", "ricerca".

Rispondi in questo thread

Questo sito utilizza cookies e altre tecnologie di tracciamento per distinguere tra personal computer, impostazioni e scopi analitici/statistici personalizzati, customizzazione dei contenuti e ad serving. Il sito potrebbe contenere cookies di terze parti. Se vuoi continuare a navigare sul sito, le impostazioni attuali saranno mantenute, ma puoi cambiarle in ogni momento. Per maggiori informazioni: Privacy e polizia dei Cookie