Combattere la concorrenza e per il compenso equo

Mi congratulo con la collega che ci teneva a questa specifica grammaticale, che ai fini del reddito professionale rimane irrilevante... si dovrebbe invece lottare con la stessa intensità e fervore per combattere la concorrenza sleale tra colleghi che deontologicamente mortificano una professione ai minimi termini... si dovrebbe combattere per il "compenso equo... ", si dovrebbe combattere per ricordare ai nuovi legislatori italiani e a quelli europei che il libero professionista secondo il codice civile NON è una impresa e pertanto alcuni obblighi ( possesso del POS per esempio o libero mercato) sono in contrasto con lo stesso codice e con la costituzione stessa quando si parla di diritto al lavoro..., si dovrebbe lottare per far rispettare la deontologia a favore della QUALITA' delle prestazioni intellettive....Penso che le priorità dovrebbero essere altre anziché regalare un contentino grammaticale proprio in questo periodo in cui si sta cercando di mettere ordine e chiarezza legislativa per i professionisti....

«Architetta», vinta la battaglia del timbro al femminile. La prima volta in Italia

Rispondi in questo thread

Questo sito utilizza cookies e altre tecnologie di tracciamento per distinguere tra personal computer, impostazioni e scopi analitici/statistici personalizzati, customizzazione dei contenuti e ad serving. Il sito potrebbe contenere cookies di terze parti. Se vuoi continuare a navigare sul sito, le impostazioni attuali saranno mantenute, ma puoi cambiarle in ogni momento. Per maggiori informazioni: Privacy e polizia dei Cookie