COMUNICATO DI ReteScuole... e integrazione

COMUNICATO DI ReteScuole... e integrazione di Alex Zanotelli

Con l'intesa sottoscritta qualche giorno fa dai sindacati CISL,UIL, SNALS, GILDA si stabilisce che le scuole da quest'anno scolastico riceveranno centinaia di milioni di euro in meno per tutte le attività relative al Miglioramento dell'Offerta Formativa (MOF): attività di programmazione per attuazione di progetti di scuola, attività sportive, riconoscimento per funzioni di vicario, riconoscimento per attività delle commissioni pof – continuità – ambiente – intercultura – glh (disabilità), riconoscimento per maggior carico di lavoro del personale ATA, attività per il recupero della dispersione scolastica e tanto altro ancora...

I fondi “sottratti" alle lavoratrici/ lavoratori della scuola serviranno per pagare alle lavoratrici/ lavoratori della scuola gli scatti stipendiali bloccati nel 2010 dal governo Berlusconi.

Dovremmo forse essere contente/i?

Dovremmo essere soddisfatte/i da questa azione furbetta dello Stato che dà con la mano destra, quello che toglie con la mano sinistra?

È umiliante!

Invece di cercare altrove i soldi per risarcire diritti negati (perché non rinunciare, ad esempio, all’acquisto di strumenti di morte come i cacciabombardieri F.35?), il governo stabilisce un giro di conto fra due capitoli dello stesso bilancio.

La scelta del governo e dei sindacati firmatari é ancor più grave se si pensa che il "risarcimento" avviene attraverso l'utilizzo di soldi che servono al funzionamento di TUTTA la scuola: sono soldi che hanno una ricaduta diretta sul collettivo, sulle attività di classe e di Istituto.

Una scelta scellerata che comporterà un'ulteriore riduzione dell' offerta formativa.

Non sono bastate le economie derivanti dal taglio di 8 miliardi di euro e 132.000 posti di lavoro?

Cosa volete ancora dalla scuola pubblica statale?

La scuola sempre più povera.

Ancora una volta vogliono scaricare sui lavoratori e sulle lavoratrici della scuola (e sui nostri diritti lesi e offesi) le colpe di una scuola sempre più povera e dequalificata.

Dichiariamo con forza che i soldi per il nostro sacrosanto stipendio non li vogliamo ricevere in questo modo.

Non riconosciamo come nostra questa vergognosa intesa.

E lasciateci aggiungere che, in un momento in cui c'é gente che fa pagare alla collettività l'acquisto di cartucce per fucili, videogiochi, creme di bellezza e aperitivi, chi lavora nella scuola utilizza il proprio stipendio per comperarsi computer, stampante, cartucce ( quelle inoffensive!), scanner, libri, carta, cartoncini, colori e a volte pure i gessetti!

I soldi ci sono, basta decidere come usarli!

ReteScuole

RIFORMA DELLA DIFESA UN NATALE ‘ARMATO’ di Alex Zanottelli.

Il 10 dicembre eravamo a Roma davanti al Parlamento per protestare contro la Riforma delle Forze Armate voluta dal Ministro della Difesa, l’ammiraglio Di Paola. I rappresentanti dei movimenti per la pace erano stretti attorno a una gigantesca bandiera della pace che occupava la larghezza dell’anti-piazza davanti al Parlamento. Eravamo lì per chiedere ai Parlamentari di non votare la Riforma delle Forze Armate. Tutto inutile! Quel pomeriggio il Parlamento ha definitivamente approvato il disegno di legge delega. La Destra ha votato compatta a favore, nonostante avesse appena sfiduciato il governo. Il PD, nonostante alcune voci contrarie, ha pure votato a favore. Unico partito contrario:IDV. Un amaro regalo di Natale questo che il governo Monti ci lascia prima di dimettersi. Un regalo alla casta dei militari, alla lobby dei mercanti di morte. La riforma infatti ci costerà nei prossimi dieci anni, l’astonomica cifra di 230 miliardi di euro!

La Legge autorizza le Forze Armate a riorganizzarsi in proprio in dodici mesi con una delega, per ora in bianco. Inoltre questa Legge prevede un taglio di 43 mila addetti sia militari come civili nei prossimi dieci anni.

La cosa però che sorprende è che i soldi risparmiati rimangono al Ministero della Difesa per l‘ammodernamento ‘ dell’esercito. Mentre per la Spending Rewiew di Monti, i soldi risparmiati avrebbero dovuto rientrare nel Bilancio dello Stato. Ed invece saranno usati per comperare i nuovi sistemi d’arma.

In poche parole il Ministro della Difesa avrà un miliardo di euro in più all’anno da spendere in nuove armi! Inoltre la nuova legge prevede che gli enti locali dovranno rimborsare il Ministero della Difesa per gli interventi di soccorso e prima emergenza come terremoti e alluvioni.

Tutto questo avviene mentre la crisi economica lascia senza lavoro centinaia di migliaia di lavoratori e non ci sono soldi per il welfare, per la sanità, per la scuola, per il terzo settore.

Assistiamo attoniti al tradimento del governo Monti e dei partiti.

E mentre è passata in tutta fretta la Riforma della Difesa(se ne parlava da vent’anni!), non si è fatto nulla per la Riforma della Cooperazione, che è l’altra faccia della medaglia! E questo nonostante che ci sia un ministro cattolico,A. Riccardi, alla Cooperazione Internazionale.(E’ da vent’anni che girano in Parlamento proposte di riforma della Cooperazione internazionale che è ormai ridotta ai minimi termini!). Nel 2000 l’Italia aveva promesso all’ONU che avrebbe versato lo 0,7% del suo PIL per sconfiggere la povertà. L’Italia, all’ultimo posto nella graduatoria, ha disonorato in questi dodici anni gli impegni presi arrivando allo 0,2% del PIL mentre spende il 2% del PIL in armi.

Siamo giunti così alla follia di spendere, lo scorso anno,26 miliardi di euro (dati SIPRI) a cui bisogna aggiungere 15 miliardi di euro per gli F-35. Si tratta di 41 miliardi di euro: una vera e propria manovra! Nessun taglio alle armi, anzi la Difesa avrà un miliardo in più da spendere nell’acquisto di sofisticati strumenti di morte. Mentre il governo Monti ha tagliato fondi alla scuola, alla sanità, al terzo settore.

Mi amareggia il silenzio della Conferenza Episcopale Italiana. Altro che ‘pace in terra agli uomini di buona volontà’ che è il cuore del messaggio natalizio.

Il nostro paese sceglie ancora una volta la via della morte invece della vita.

E’ un Natale amaro, un Natale ‘armato’.

Alex Zanotelli

Napoli,21 dicembre 2012

https://www.facebook.com/frame52__tn__=%2CdCH-R-R&amp=;eid=ARAzHPcxUfKu7dMA5drLYV4nYfIsd-Fj68k5soE045RHqOrYWPrbf68Bnf42B_gQGocy07GS0Lbxn-Q5&hc_ref=ARSvuJ3qKs7hha-IMF_4MCLHLChd_7oq47xDZgEJZMfcfyWyCDX_8qpjhNRgaj0VLtc&fref=nf&hc_location=group

Rispondi in questo thread

Questo sito utilizza cookies e altre tecnologie di tracciamento per distinguere tra personal computer, impostazioni e scopi analitici/statistici personalizzati, customizzazione dei contenuti e ad serving. Il sito potrebbe contenere cookies di terze parti. Se vuoi continuare a navigare sul sito, le impostazioni attuali saranno mantenute, ma puoi cambiarle in ogni momento. Per maggiori informazioni: Privacy e polizia dei Cookie