"Da tempo memorabile, l'uomo lascia una traccia di sé"...

"Da tempo memorabile, l'uomo lascia una traccia di sé: dagli affreschi delle caverne preistoriche ai murales dei nostri giorni, il disegno racconta l'uomo all'uomo.

Secondo Betty Edwards (2010), le arti sono essenziali per sviluppare le elaborazioni visive e percettive, come scrivere e far di contosono fondamentali per accrescere le capacità logiche, verbali, matematiche e analitiche. Disegnare è una capacità globale o "completa" che richiede una gamma limitata di componenti basilari. Come altre capacità globali per esempio leggere, guidare, sciare, camminare, il disegno si compone di diverse abilità che si integrano l'un l'altra in un tutto.

Disegnare richiede cinque capacità basilari, non propriamente legate al disegno ma di tipo percettivo, e cioè:

  1. la percezione dei contorni;

  2. la percezione degli spazi;

  3. la percezione dei rapporti;

  4. la percezione delle luci e delle ombre;

  5. la percezione del tutto o Gestalt

Il disegno può essere considerato il mezzo per rappresentare la realtà, può divenire un gioco, è strumento terapeutico, e, soprattutto quello dei bambini, potrebbe essere considerato un'arte infantile per la sua bellezza e spontaneità."

Se faccio, ricordo

Mediatori per l'organizzazione della memoria

Elena Grandi

http://www.erickson.it/Libri/Pagine/Scheda-Libro.aspxItemId=39751

Se faccio ricordo

workshoo 8° Convegno la Qualità dell'Interazione Scolastica e Sociale

Sabato 19 novembre dalle 16:30 alle 18:30

http://www.convegni.erickson.it/qualitaintegrazione/programma/workshop/dida/se-faccio-ricordo-2

Rispondi in questo thread

Questo sito utilizza cookies e altre tecnologie di tracciamento per distinguere tra personal computer, impostazioni e scopi analitici/statistici personalizzati, customizzazione dei contenuti e ad serving. Il sito potrebbe contenere cookies di terze parti. Se vuoi continuare a navigare sul sito, le impostazioni attuali saranno mantenute, ma puoi cambiarle in ogni momento. Per maggiori informazioni: Privacy e polizia dei Cookie