DISCIPLINARE DI INCARICO PROFESSIONALE

‹ Torna all'inizio

DISCIPLINARE DI INCARICO PROFESSIONALE raccomandiamo i colleghi di sottoscrivere sempre il disciplinare di incarico professionale!

A differenza di altre categorie, per esempio gli avvocati, ove qualora non lo si faccia, il DECRETO 10 marzo 2014, n. 55,art.1, in automatico fa valere le tariffe professionali,

per noi per e solo per noi non è così, ciò verrebbe valutato dal giudice come elemento negativo per tagliare ulteriormente i nostri compensi.

ABBIAMO PREDISPOSTO UN MODELLO TIPO E LO METTIAMO A DISPOSIZIONE DEI COLLEGHI!

[media.wix.com](http://media.wix.com/ugd/045205_60ccb86752934eb6bc7f9a3b18384003.docxdn=DISCIPLINARE DI INCARICO PROFESSIONALE BREVE FNAILP.docx&fbclid=IwAR2n_TcNeG2KJv6aUPn7jB4Bgyq4KwcLu5ookDj-RrBe70BpQyAlx6mlmfw)

Veramente documenti interessanti, complimenti

Rispondi al post

si le stiamo meglio predisponendo si può iniziare da questa

Rispondi al post

Rispondi al post

stiamo attenti all'antitrust, basta una sfumatura per essere attaccabili. Il metodo per la determinazione del compenso deve essere sempre indicato in modo da non portare a risultati univoci ed a rispettare i principi della libera concorrenza

Rispondi al post

Ho dato uno sguardo al tutto e mi sembra sia basato sugli schemi di "contratto tipo" presenti sul sito del CNAPPC!..anche il fatto di basarsi su tabelle che riportano i costi unitari €/mc per stimare presuntivamente i costi di ristrutturazione o costruzione ex novo è una prassi che veniva seguita anche in passato dalle commissioni parcelle di alcuni ORDINI DEGLI ARCH O ING e addirittura nei COLLEGI DEI GEOMETRI!!!....il fatto è che nessuno ne ha mai pubblicizzato o consigliato l'utilizzo!!...io di queste tabelle ne ho un bel po' sul mio pc!!..provenienti da tanti ordini tranne che da quello cui appartengo, della provincia di Palermo!...anzi quando ne ho parlato l'anno scorso con uno dei consiglieri sono stato preso per pazzo!!!!

Rispondi al post

il disciplinare è e differente da quello proposto dagli ordini, tranne per qualche parte che necessariamente è standard, ci sono inserite misure di tutela per il direttore dei lavori, per i progettista, si è inserita la frase che ci permette di non avere il POS etc....insomma ci sentiamo di consigliare questo e non altri. I metodo della "tabella valori di mercato" chiamata così da FNAILP, veniva utilizzato in passato da alcuni ordini per scavalcare il problema della mancanza del computo metrico e riteniamo sia un metodo molto valido. Sarebbe ancora da allegare il mansionario prestazionale con tutta la somma di prestazioni che necessariamente il professionista deve svolgere per portare a termine l'incarico, anche quello è stato predisposto e può essere ampliato e migliorato. Come dice Michele si deve fare attenzione all'antitrust, e lasciare che i coefficienti percentuali li scelgano autonomamente i professionisti, noi proponiamo che sia uguale solo il valore su cui calcolare la prestazione, poi ognuno PURTROPPO, può valutare le proprie percentuali sul valore dei lavori!

Rispondi al post

Cmq se tutti utilizzassimo il DM 140/2012 cosa dovrebbe dire l'antitrust????.... Anche io ritengo utile il fatto di utilizzare le "tabelle di mercato" però è chiaro che sono da tenere in considerazione solamente per stimare un'importo presuntivo delle opere di ristrutturazione o costruzione dal quale potere redigere il calcolo di compenso anch'esso presuntivo...ovviamente il compenso reale potrà essere quantificato solamente a consuntivo...credo sia opportuno specificare questo concetto nei modo e termini giusti per renderlo comprensibile ai clienti.... Ad esempio quello che segue è tratto dai contratti semplificati redatti dal CNAPPC:Art. 3 – Costo presunto dell’operaIl costo presunto dell’opera ai fini della determinazione della misura del compenso, viene stimato ai sensi del comma 4 dell’art. 9 della legge 27/2012 in relazione all’importanza dell’opera in: m3___x €/m3___= €___; L’importo a consuntivo dell’onorario sarà calcolato, in conformità ai criteri di cui all’allegato b del presente contratto, con riferimento alle prestazioni effettivamente svolte e documentabili, sul consuntivo lordo dell’opera e cioè sulla somma di tutti gli importi liquidati alle varie imprese o ditte per lavori e forniture, computati al lordo di eventuali ribassi rispetto al prezziario di riferimento (Camera di Commercio, Prezziario Regionale, ecc.).

Rispondi al post

qui cambiamo argomento, passiamo dal contratto alla tariffa, ma sono chiaramente legati l'uno all'altro. Le tariffe sono state abrogate per legge e e è stato vietato l'uso ed il riferimento. L'Antitrust ha colpito con pesanti sanzioni coloro che hanno fatto pubblicamente riferimento al loro uso. Nessuno si può permettere di incorrere in tali sanzioni, quindi eviterei di rendere pubblico un disciplinare con tali riferimenti

Rispondi al post

Sono già stati elaborati mansionari e tabelle di mrtcato complete e pubblicate. Tempo fa ne postai una di un ordine di ingegneri non ricordo di dove pasquale credo di averti inviato il riferimento... ovviamente queste tabelle vanno contestualizzate nella regione di riferimento come i prezziari analitici di opere e variati di anno in anno.. ognuno poi decide ma l'obiettivo é uniformarli fra tutti i tecnici anche non ingegneri e architetti il più possibile... Questa dovrebbe essere la funzione di una associazione privata di professionisti: indirizzare e sorvegliare.

Rispondi al post

Si ma, ripeto, se ci basiamo sul DM 140/2012 che viene comunque utilizzato dagli organi giurisdizionali per liquidarci i compensi in caso di contenzioso, l'antitrust che cosa deve sanzionare???... Ad ogni modo ho scritto scemenze parlando di presuntivo e consuntivo???.. Cioè se viene un cliente da me con una planimetria catastale di un immobile di 100 mq (ipoteticamente 300 mc) e mi chiede quanto potrebbe costare una ristrutturazione (adeguamento varianti distributive) e a quanto ammonterebbe il mio compenso???io dico che presuntivamente l'importo dei lavori potrebbe essere intorno ai 48.492,00 (300mc X 161,64 €/mc) ed il mio compenso presuntivo di conseguenza ammonterebbe a tot. € (calcolato secondo il dm 140). Ovviamente se poi il progetto definitivo ammonta ad un opera del valore di 100.000,00 il compenso deve essere adeguato di conseguenza!!!...dico bene??... pasquale7909 e Michele privitera

Rispondi al post

Rispondi in questo thread

Questo sito utilizza cookies e altre tecnologie di tracciamento per distinguere tra personal computer, impostazioni e scopi analitici/statistici personalizzati, customizzazione dei contenuti e ad serving. Il sito potrebbe contenere cookies di terze parti. Se vuoi continuare a navigare sul sito, le impostazioni attuali saranno mantenute, ma puoi cambiarle in ogni momento. Per maggiori informazioni: Privacy e polizia dei Cookie