Nota in merito al concorso dirigenti con lo scopo di contribuire ad un miglior scenario futuro

Sento il dovere di condividere con voi una nota in merito al concorso dirigenti con lo scopo di contribuire con qualche piccola idea ad immaginare un possibile (?) scenario futuro (scusate la lunghezza).


Mi ero ripromesso di non scrivere più nulla in merito al concorso dirigenti. Le vicende accadute (da settembre a oggi) però mi sembrano talmente rilevanti che mi sembra doveroso esprimere un pensiero, che spero il più possibile propositivo. Non mi soffermo sulle criticità di un percorso lungo un anno. Preferisco lasciare spazio a quello che mi piacerebbe nel futuro.

Mi piacerebbe che venissero aboliti gli scritti. Troppo onerosi da correggere, richiedono tempo e professionalità difficili da mettere insieme. Togliere gli scritti libererebbe risorse e tempo e, rendendo tutta la procedura trasparente e pubblica (test preselettivi e orali), scoraggerebbe (percezioni di) raccomandazioni o indebite segnalazioni sotto banco.

Mi piacerebbe che le commissioni fossero scelte attraverso un altro meccanismo. Probabilmente i commissari dovrebbero essere pagati di più, dovrebbero avere disincentivi in caso di rinunce in corso d’opera, dovrebbero essere adeguatamente formati per un compito spesso per loro nuovo. La formazione dovrebbe vertere sia sui temi oggetto del concorso (nessuno può sapere tutto) sia sulle tecniche di valutazione sia sulle procedure. Immagino una sorta di albo di commissari con l’intento di scegliere i migliori e i più preparati, magari attraverso un meccanismo di rotazione e di controllo.

Mi piacerebbe che i tempi fossero legati alla numerosità dei candidati. Meglio prendersi qualche mese in più, se occorre, ma avere tutto il tempo necessario per procedere a valutazioni il più possibile orientate all’obiettivo di scegliere i candidati ritenuti più adatti a ricoprire il ruolo.

Mi piacerebbe che gli uffici scolastici, o comunque un’amministrazione pubblica (e non i sindacati, le associazioni, gli editori), organizzassero (in presenza, ma soprattutto a distanza) percorsi formativi gratuiti a disposizione dei candidati con una raccolta di materiali e di indicazioni utili liberamente utilizzabili e diffondibili. Si creerebbe un archivio di risorse utili anche ai dirigenti in carica e integrabili nel tempo.

Rispondi in questo thread

Questo sito utilizza cookies e altre tecnologie di tracciamento per distinguere tra personal computer, impostazioni e scopi analitici/statistici personalizzati, customizzazione dei contenuti e ad serving. Il sito potrebbe contenere cookies di terze parti. Se vuoi continuare a navigare sul sito, le impostazioni attuali saranno mantenute, ma puoi cambiarle in ogni momento. Per maggiori informazioni: Privacy e polizia dei Cookie