Scandalo a Vigevano: Sindaco abolisce la fascia gratuita per la mensa scolastica

A Vigevano sta succedendo un grande scandalo. Vi ho inviato la lettera che molte insegnanti e cittadini hanno inviato al Sindaco della città affinchè ripristini la fascia gratuita per la mensa scolastica che molte famiglie non riescono a sostenere. Da noi il Tempo pieno è una scuola consolidata da decenni e il Sindaco Leghista, per motivi prettamente politici vuole "spezzare le gambe a chi è moroso" come lui stesso afferma. Ora in risposta alla nostra lettera (che potete leggere in queste pagine) ci ha attaccate e diffamate in questo modo. Vi chiedo un parere e soprattutto chiedo all'avvocato che già era intervenuto in questa questione, di esprimere il suo punto di vista. LETTERA DELLE INSEGNANTI:Mensa scolastica: l’Amministrazione comunale deve riflettere sulle parole del Provveditore. Ill.mo Signor Sindaco dott Sala,

la lettera che il Dirigente scolastico provinciale, Dott. Bonelli, ha inviato a Lei, al Prefetto, alla Provincia e alle Scuole non è affatto rassicurante poiché, nella parte conclusiva, preannuncia una determinazione davvero drastica che non mancherà di ripercuotersi su moltissime famiglie di Cittadini. Invitando l’Amministrazione Comunale a prendere celermente un provvedimento sensato nei confronti dei minori frequentanti la scuola dell’obbligo, il Dott. Bonelli scrive testuali parole “il Comune deve essere in grado di sostenere l’organizzazione del Tempo Pieno pur in previsione delle possibili morosità, garantendo a tutti gli alunni la frequenza per tutto l’anno, anche con adeguate esenzioni.” Diversamente, il Dirigente provinciale non potrà più autorizzare il tempo pieno nelle scuole primarie della nostra città, già a partire dal prossimo anno scolastico. Noi insegnanti, com’è nel nostro modo di agire, umano e professionale, dove sono connaturate correttezza e assennatezza, abbiamo trovato immediatamente un accordo comune, per agevolare le famiglie che NON POSSONO PAGARE la mensa: non abbiamo lasciato i bambini in questione relegati nelle “aule-ghetto”, come qualcuno aveva sentenziato. Ora anch’essi siedono a tavola con i loro compagni e consumano dignitosamente un panino, un frutto e una bottiglietta d’acqua portati da casa, non essendoci controindicazioni da parte dell’ASL. Desideriamo farLe notare, Signor Sindaco, l’importanza del grande valore educativo di questo momento: mensa e dopo-mensa sono il complemento delle attività didattiche mattutine e pomeridiane. Sono i Programmi ministeriali a sottolineare come i tre segmenti orari – mattino, mensa e pomeriggio - rappresentino il tempo complessivo di erogazione del servizio scolastico. Essi non vanno considerati e progettati separatamente, ma concorrono a costituire un modello unitario del processo educativo, da definire nel Piano dell’offerta formativa. Rimane però il problema della “discriminazione del pasto”: ci sono i bambini fortunati che mangiano un primo ed un secondo caldi e quelli meno fortunati che mangiano un panino. Così come sollecita il Dirigente scolastico provinciale, anche le insegnanti e i genitori auspicano che il buon senso guidi gli Amministratori comunali ad applicare le disposizioni vigenti cum grano salis, anche al fine di superare questo ulteriore ostacolo che pone i “bimbi con il panino” in stato di DIVERSITA’ e INFERIORITA’. L’art. 3 della Costituzione, applicabile ad ogni ambito della vita sociale, ivi compreso quello scolastico, afferma: «E’ compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto, la libertà e l’uguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale». Conseguentemente, l’unica via che consentirebbe la reale uguaglianza in senso, non già soltanto formale, ma anche e prima di tutto sostanziale, ci sembra proprio il RIPRISTINO DELLE ESENZIONI PER COLORO CHE EFFETTIVAMENTE NON POSSONO PAGARE.

Se l’Amministrazione comunale continuerà sulla propria linea di inflessibilità nei confronti di quei genitori di Vigevano che versano in situazione di effettiva difficoltà economica, si troverà a dover fare i conti con le conseguenze paventate dal Provveditore: la CANCELLAZIONE definitiva di un tempo scuola ormai consolidato da decenni e scelto dalla stragrande maggioranza dei genitori, ponendo molte famiglie in stato di grave disagio e privando del posto di lavoro sia gli addetti al servizio mensa sia molti docenti statali. Ci creda sulla parola, Signor Sindaco, il nostro pensiero non vuole essere né egoistico né politico bensì vuole mirare alla salvaguardia dei diritti di tutti i minori della nostra comunità: vorremmo che vi fosse chiaro che ci sta a cuore soprattutto il futuro dei “nostri” bambini, ” e per “nostri ” intendiamo anche quelli che vengono da lontano: se cresceranno in un ambiente sereno ed accogliente, che non li rifiuta, ma che li tratta da “pari quali sono”, diventeranno tutti, indiscriminatamente, i nostri cittadini del domani, accanto ai nostri figli, ai nostri nipoti, in una società multietnica, aliena da ogni insensato buonismo, dove tutti potremo acquisire una vera mente multiculturale, capace di coltivare i semi fertili del dialogo. Questa è la sfida che abbiamo di fronte, Signor Sindaco: scommettere sull’intelligenza e la coscienza di tutti: pubblici Amministratori e comuni Cittadini.

Quanto sopra, a nostro garbato avviso, è cosa non da poco.

Con i migliori saluti

Franca Resegotti Borroni insegnante

e le sottoscritte colleghe del 3° Circolo e di altri Circoli Ansalone Antonella, Antonini Sara, Ardito Maria Cristina, Arenari Paola, Arata Barbara, Aschedamini Dario, Baldi Laura, Ballarini Mariella, Salamone Angela Maria, Barion Monica, Barreca Stefania, Bellazzi Carla, Bellinzoni Pierantonia, Bevacqua Enza, Biandrate Valeria, Bombonato Sara, Bongiovanni Maria Assunta, Francesca Rosalia Leonardi, Eva Soatin, Calandra Onofria, Cammarata Anna Maria, Cangiano Maria Colomba, Caracciolo Monica, Casazza Adele, Casella Rosa, Cattaneo Anna Elisa, Cattaneo Giovanna, Cavigliani Claudia, Ceroni Maria Luisa, Cervi Maria Grazia, Colli Paola, Contarese Sara, Cosentini Maria Pia, Costa Pierangela, Dall’Ospedale Silvia, De Luca Maria Cristina, De Vincenzi Maria Grazia, De Marchi Angela, De Marchi Maria Clara, Deretti Rosanna, Donadio Vittoria, Duglio Claudia, Ferraris Isabella, Filippi Matilde, Finotti Francesca, Florio Barbara, Forti Maria Luisa, Francia Anna Maria, Fici Rita Maria Cristina, Franzoni Simona, Gallo Giuseppina, Gasparetto Daniela, Gianrossi Chiara, Goggi Patrizia, Grimaldi Nadia, Iodice Ivana, Leccioli Luisa, Losi Maria Santa, Maestrone Rosa, Mairani M. Enrica, Mancin Manuela, Manzo Gaudino Michelina, Marcello Jole, Marziotti Maria Grazia, Mogavino Roberta, Moio Daniela, Nicolosi Maria Antonietta, Novello Angela, Pansecco Marinella, Parea Elisabetta, Pelizzari Simona, Pipitone Adriana, Pisani Antonella, Previderè Rosanna, Priora Sabrina, Pusineri Paola, Reina Elisa Maria, Rettura Natalia, Rivolo Antonella, Rognoni Rita Maria, Rotta Danila, Rubini Vittoria, Schirru Anna, Serpi Anna Lisa, Simonelli Maria Teresa, Sisca Maria, Pellegrini Ippolita, Sprocatti Livia, Taddei Anna, Teghini Monica, Torti Giuseppina, Trainito Giovanna, Travagliante Carmela, Travagliante Maria Catena, Valente Marilena, Valenza Marina, Verza Ombretta, Zacchetti Maria Luisa, Zamana Mara, Zangara Luisa, Palumbo Marco, Francesca e Piero Leggio, Frisina Rosy, Mendola Rosa,Jessica Dionis, Francesca Falcometà, Mariolina Graziano.

Tutti i collaboratori scolastici statali e della cooperativa della Scuola De Amicis

Il Dirigente Amministrativo e gli impiegati della Segreteria del 3° Circolo di Vigevano

Dott. Iole Savioli Barettoni e Tavolo Migranti Carlo Ornati ex segretario generale di Confartigianato Lomellina Barbara Verza consigliere comunale Ferrari Barbara rappresentante genitori Rosita Fedre cittadina Pavesi Mariagrazia Zacchetti Maria Teresa docente di scuola superiore in pensione. Roberto Guarchi grafico presso l’Informatore Vigevanese Vigevano, 29 ottobre 2012

Rispondi in questo thread

Questo sito utilizza cookies e altre tecnologie di tracciamento per distinguere tra personal computer, impostazioni e scopi analitici/statistici personalizzati, customizzazione dei contenuti e ad serving. Il sito potrebbe contenere cookies di terze parti. Se vuoi continuare a navigare sul sito, le impostazioni attuali saranno mantenute, ma puoi cambiarle in ogni momento. Per maggiori informazioni: Privacy e polizia dei Cookie