Social sharing e E-Learning

GRAZIE A PIERCESARE RIVOLTELLA (membro del gruppo, Presidente SIREM, Direttore CREMIT, Università Cattolica di Milano) che ha citato anche il nostro gruppo al VII congresso nazionale della Società Italiana di E-Learning a Reggio Emilia. E' vero, mi piace che abbia rimarcato che non si tratta di uno spazio di pubblica lamentazione/reciproca consolazione, cè anche questo ma c'è molto di più?

Riporto dagli atti: "In una prospettiva analoga si deve interpretare lo sviluppo e la diffusione di micromovimenti e nuove forme di organizzazione. Per restare al campo dell’educational si può pensare a “La scuola che funziona”, una community di insegnanti raccolta in Ning da Gianni Marconato, o a “Insegnanti”, un Facebook Group fondato da Paola Limone.

In entrambi i casi ci si trova di fronte non a spazi di pubblica lamentazione e reciproca consolazione, ma a vere e proprie communities professionali all’interno delle quali in maniera del tutto emergente si discutono temi, si condividono risorse, si affida al social network la soluzione di problemi.

In tutti questi casi è facile registrare le differenze rispetto alla formazione professionale tradizionale. Qui non ci si trova di fronte a forme corsuali, ma a una diffusione di contenuti che rimane disponibile secondo assetti variabili per ciascuno dei membri. Il tempo dell’attenzione può farsi contratto, il social sharing garantisce che qualcuno della rete sicuramente darà un feed-back, lo user generated content viene in primo piano. Proprio quest’ultimo punto motiva molti insegnanti a vivere attivamente questi spazi: la possibilità di essere autori senza tutte le mediazioni istituzionali che questo invece comporterebbe nello spazio pubblico ufficiale."

Rispondi in questo thread

Questo sito utilizza cookies e altre tecnologie di tracciamento per distinguere tra personal computer, impostazioni e scopi analitici/statistici personalizzati, customizzazione dei contenuti e ad serving. Il sito potrebbe contenere cookies di terze parti. Se vuoi continuare a navigare sul sito, le impostazioni attuali saranno mantenute, ma puoi cambiarle in ogni momento. Per maggiori informazioni: Privacy e polizia dei Cookie